Archive del 2024

L’onorevole Matteotti è stato ucciso altrove

mercoledì, 5 Giugno 2024

Il 10 giugno 1924 Giacomo Matteotti, politico, giornalista e antifascista, segretario del Partito Socialista Unitario, esce di casa a piedi per dirigersi verso Montecitorio.

Mentre percorre il lungotevere un’auto si ferma ad aspettarlo.

A bordo i suoi aggressori, identificati in seguito come membri della polizia politica, sono in cinque, lo atterrano sul marciapiede, lo colpiscono con calci e pugni, per poi caricarlo in macchina.

Segue una colluttazione a bordo. E’ un omicidio e il corpo di Matteotti viene lasciato alle porte di Roma, per essere ritrovato due mesi più tardi, fiutato dal cane di un brigadiere.

E’ un delitto efferato, di grande significato politico, che segna il passaggio più evidente di quello che diventerà il regime…

Leonardo Sciascia nell’antologia di racconti “Il mare colore del vino” (1973) si collega al delitto Matteotti, con il capitolo “Apocrifi sul caso Crowley” dove ricostruisce l’espulsione di Crowley dalla Sicilia.

Aleister Crowley è noto come mago, occultista, alchimista e pittore, ispiratore d’artisti della scena rock e metal, dai Beatles ai Led Zeppelin, da Ozzy Osbourne e David Bowie a Marilyn Manson, Mick Jagger, Rolling Stones…

Pochi sanno che in gioventù fu audace scalatore nel Lake District di fine ‘800 e sulle scogliere di Dover, ma anche  un ottimo alpinista, con una lista di salite alpine ragguardevoli: Eiger, Wetterhorn, Jungfrau, Mönch, Dent Blanche e Cervino.

Raggiuse alcune tra le cime più alte del Messico e partecipò al pioneristico tentativo al K2 nel 1902 con Oscar Eckenstein, l’inventore ramponi, e successivamente nel 1905 al Kanchenjunga!

Crowley nei primi anni venti fondò in Sicilia, a Cefalù, in uno spazio bucolico, l’Abbazia di Thélema, per radunare i suoi discepoli e sperimentare dottrine libertarie.

Con l’avvento del fascismo, anche a causa della morte di un adepto all’interno dell’Abbazia, Crowley nel 1923 fu espulso dall’Italia dall’allora prefetto di Palermo come soggetto indesiderato.

Sciascia nel suo racconto ricostruisce, posticipandola di un anno, nel 1924, l’espulsione dall’Italia dell’occultista, con l’invenzione di sette documenti, siglati M(ussolini), firmati dal capo della polizia gen. E. (milio) De Bono e dal commissario di Cefalù A. Caminati, con un alato commento di Crowley riguardo all’assassinio di Matteotti ad opera dei sicari fascisti.

Per il capo della polizia.

Indagare et riferire sulla vita che conduce a Cefalù il cittadino inglese Edward Alexander Crowley.

M.

A Sua Eccellenza Benito Mussolini
Capo del Governo

Roma, 15 luglio 1924

In riferimento alla nota dell’eccellenza Vostra, in cui si ordinavano indagini a carico del cittadino inglese E.A. Crowley, in atto residente a Cefalù (Palermo), trascrivo i punti essenziali del rapporto ora pervenuto da parte del Commissariato di P.S. di quella località.

“Il nominato Edward Alexander Crowley, nato a Learington il 12 ottobre 1875, vive in una villa, situata a circa tre chilometri dal paese, fin dall’aprile del 1920. Regolarmente paga il canone d’affitto ai proprietari, i quali soltanto lamentano certa mania del Crowley di dipingere a fresco le pareti e con figurazioni, a quanto pare, non conformi a decenza; ma essi proprietari non hanno mai avuto modo di vedere la villa, da quando l’hanno ceduta in affitto al Crowley, e soltanto da dicerie che corrono in paese sanno della mania dell’inglese.

Dicerie alimentate dal fatto che convivono col Crowley ben cinque donne, relativamente giovani e ben portanti (oltre a tre bambini, di cui uno negro o mulatto), sulle quali la fantasia di un paese come questo si scatena e sbizzarrisce in tal modo che è difficile distinguere, in tutto quello che si racconta, il vero dal falso. Pare comunque che le stranezze di cui in paese si fa carico al Crowley, si riducano ad un modo di vita secondo natura: i bambini, le donne e lo stesso Crowley sono stati visti nudi a prendere il sole; ma da parte dei vicini mai è pervenuta lagnanza a questo commissariato. Pare anzi che i cittadini della zona attivamente si dedichino a spiare nella villa, peraltro ben recintata, dell’inglese: traendo dalle nudità delle giovani donne un diletto di cui poi, in tutto il paese, si favoleggia fino allo scandalo.

Di ciò siamo stati avvertiti da Sua Eccellenza il Vescovo, ma una nostra indagine, condotta con molta discrezione, altro non ha accertato che delle violazioni, da parte dei cittadini della zona, di quel diritto alla privata libertà che è di ogni cittadino e a cui gli inglesi particolarmente tengono. Si è creduto perciò di non dar seguito alla cosa, assicurando però a Sua Eccellenza il Vescovo che quanto avveniva nella villa del Crowley non sfuggiva all’attenzione nostra e che alla prima violazione che gli abitanti della villa avessero commesso delle leggi del nostro Paese con immediatezza e decisione avremmo adottato provvedimenti.

“Riassumendo: certamente il Crowley conduce una vita al di fuori della norma comune, ma più con mistero che con scandalo; e appunto in forza del mistero la sua presenza a Cefalù è elemento di inquietudine. In quanto a una sua eventuale attività spionistica o comunque volta contro la sicurezza dello Stato Italiano, crediamo il sospetto del tutto infondato: e basti la considerazione che i suoi rapporti col mondo esterno si riducono al puro e semplice approvvigionamento, che di regola viene fatto una volta al mese in un negozio del luogo. Dal che si deduce che a fare il pane provvedono le donne, poiché la villa è dotata di un forno a legna; mentre le carni, ammesso che ne consumino, vengono dall’allevamento di capre e animali da cortile cui la piccola comunità si dedica.”

In attesa di altri eventuali ordini, con saluti fascisti,

il capo della polizia
gen. E. De Bono

Appunto per il capo della polizia.

L’indagine sull’inglese Crowley deve continuare. Fare un sopralluogo. Riferire. Chi ha detto che è sospettato di spionaggio? È l’ambasciatore inglese che ha delle preoccupazioni sul suo connazionale: teme, per il buon nome dell’Inghilterra, che dia scandalo in Italia. Io me ne frego.

M.

A Sua Eccellenza Benito Mussolini
Capo del Governo

Roma, 11 settembre 1924

In ordine alle disposizioni impartite da Vostra Eccellenza relativamente al suddito inglese Edward Alexander Crowley, in atto residente a Cefalù (Palermo), si trasmette il rapporto del Commissariato di P.S. di quella località.
Con saluti fascisti,

il capo della polizia
gen. E. De Bono

A Sua Eccellenza il Capo della Polizia
Roma

Il sottoscritto, in seguito a quanto disposto da Vostra Eccellenza con lettera del 20 luglio 1924, prot. 19328, si è con ogni diligenza adoperato allo svolgimento della delicata missione.

E innanzi tutto, ad evitare insorgesse incidente con l’Autorità Giudiziaria, si è portato ad informare dell’incarico ricevuto il signor Procuratore del Re presso il Tribunale di Cefalù, in modo che il sopralluogo nella villa abitata dal Crowley avvenisse conformemente alla legge e che ad una eventuale protesta dell’inglese per la nostra intrusione nella sua vita privata non seguisse il risentimento del signor Procuratore. Il quale non subito, e non senza esitazione, ha aderito alla richiesta del sottoscritto, nonostante la motivazione del superiore interesse, e forse della sicurezza della Patria, cui l’inchiesta a Crowley si ispira. Da ciò il ritardo nel dare contezza a Vostra Eccellenza di ciò che il sottoscritto ha potuto infine personalmente constatare.

Il sopralluogo nella villa abitata dal Crowley è stato dal sottoscritto, coadiuvato dal brigadiere Lo Turco Angelo e dall’agente Vasta Bartolomeo, effettuato nelle ore antemeridiane del 7 c.m., in compagnia del professore Paolo D’Alunzio, docente di inglese nella locale Scuola Tecnica, che dal sottoscritto è stato chiamato per fungere eventualmente da interprete. Ma in verità della sua opera non c’è stato bisogno, parlando il Crowley un italiano abbastanza comprensibile. La presenza del professore è tornata comunque utile per un dettaglio di cui si dirà in seguito.

Il Crowley ha mostrato dapprima una certa indignazione per il fatto che in Italia si potesse sottoporre una persone, che in nessun modo ha violato la legge né dato luogo a scandalo, ad una inquisizione patentemente in contrasto con l’elementare principio di libertà individuale; ma subito ha assunto un atteggiamento di condiscendenza e persino di divertimento, come recitando la parte della guida in un museo, non senza prima spiegare la filosofia di cui le persone e le cose intorno a lui vivevano e testimoniavano. La quale filosofia, se al sottoscritto è permesso far ricorso alla memoria dei suoi studi liceali, approssimativamente risulta dalla commistione di certi elementi delle antiche civiltà medio-orientali, magia ed astrologia, con elementi di un epicureismo denaturato e corrente nell’accezione oraziana dell’Epicuri grege porcum.

Ma con una controparte di feroce pessimismo; ed il tutto esaltato in un rituale di estrazione cattolica e massonica insieme, a giudicare dagli oggetti che servono ad esso rituale e che ci sono stati esibiti e spiegati. Non mancano, naturalmente, catene e strumenti di flagellazione: poiché in questa religione che il Crowley ritiene di aver fondato, religione del sole e del sangue, il piacere è frutto del dolore. Ma del dolore altrui, probabilmente, anche il professor D’Alunzio afferma che in Inghilterra non sono infrequenti, per raggiungere il piacere, pratiche di reciproche o auto flagellazioni.

Il sottoscritto ha altresì constato che rispondono al vero le dicerie riguardo alle pitture a fresco dispiegate dal Crowley sulle pareti interne della villa: pitture che raffigurano, non senza talento, strane posizioni di accoppiamento non solo, ma anche scene di pervertimento e di sodomia ed esaltano, quasi come motivi di ricorrente ornamentazione, quelle parti del corpo umano che la decenza vuole coperte e innominabili.

Il Crowley ha voluto convincere il sottoscritto che la vita in altro non consistesse e significasse che nelle cose da lui rappresentate e praticate e che in effetti in ogni pensiero e azioni dell’uomo da quelle cose discende e quelle cose, sotto forme diverse, realizza. E così è passato a dichiararsi ammiratore del Fascismo e del suo capo, e che era felice di trovarsi ospite di un Paese come l’Italia: ché in questo momento, grazie al fascismo, l’Italia gli sembra il Paese in cui più trova elementi di riscontro alla sua visione della vita. Complimento, questo che il sottoscritto ha creduto di dover respingere: ma il Crowley ha insistito con argomentazioni speciose e contorte, anche se non prive di intelligenza.

Più tardi, scorgendo il sottoscritto una pietra squadrata, sulla quale erano evidenti tracce di sangue, e domandato quale ne fosse l’uso, il Crowley rispondeva che su essa si consumavano i sacrifici. Ma ha aggiunto una frase in inglese nella quale il sottoscritto colse soltanto il nome Matteotti; e il professor D’Alunzio spiegò poi che il Crowley aveva testualmente detto: “l’onorevole Matteotti è stato ucciso altrove”. Forse non senza ironia.
Per quanto riguarda le donne, benché sia da presumere in una specie di schiavitù, non sembrano né si sono dichiarate infelici. Evidentemente, hanno per il Crowley una adorazione incondizionata.

I bambini, al momento del nostro sopralluogo, dormivano sotto un albero. Sembrano in buona salute.

In definitiva, le impressioni ricavate dal sottoscritto sono del tutto negative e basterebbero a motivare una espulsione del Crowley dall’Italia, tanto più che sono state raccolte testimonianze di contadini della zona in cui si afferma che più di una volta sono state viste le donne del Crowley, ora una ora un’altra, legate nude ad una roccia, esposte al sole nelle ore più ardenti.
In attesa di ordini, con saluti fascisti,
Cefalù, 8 settembre 1924

il commissario
Caminiti

Per il capo della polizia.

Provvedere urgentemente all’espulsione dall’Italia del signor Crowley.
Il commissario di Cefalù è un cretino.

M.

Per il ministero degli esteri.

Informare l’ambasciatore di Gran Bretagna che è stata decisa dal ministro degli interni l’espulsione dall’Italia del signor. Crowley.

M.

Leonardo Sciascia, Il mare colore del vino (1973)

IL NON MANIFESTO delle GUIDE sottosopra

martedì, 7 Maggio 2024

Un non manifesto in divenire, aperto a tutti, a chi desidera aver cura e prendersi cura, mentre ci muoviamo tra le rupi.

Domenica 5 maggio, nell’ambito del Film Festival di Trento ho partecipato all’evento promosso dal Gism – Gruppo italiano scrittori di montagna dal titolo: “la Montagna non può attendere”.

L’incontro, coordinato dal Presidente del Gism Marco Blatto, con la partecipazione di Luigi Casanova, presidente di Mountain Wilderness, dei colleghi Sergio Rosi, Luca Vallata e della scrittrice e forestale Paola Favero, è stato occasione per esplorare la crisi climatica in atto, le connessioni con il nostro muoversi per pareti e ghiacciai e la trasformazione spinta della montagna, non solo in senso fisico, ma in un crescente oggetto di consumo.

Nella prestigiosa cornice del Palazzo Benvenuti ho raccontato il NON MANIFESTO delle GUIDE sottosopra.

PER DOVERE DI INFORMAZIONE VERSO I COMPAGNI DI CORDATA VECCHI E NUOVI

Disorientati da cliché stantii e resistenti, superomismo, feticismo tecnico e progressivo distacco dalla natura, facili prede dei supermarket digitali, trasformati in mero prodotto d’esperienza “adrenalinica”, accerchiati dall’insana necessità di ostentare ad ogni costo, frastornati dall’ossessione per la sicurezza, sempre più affidata a strumenti, regole e procedure… e per questo inattuabile nei contesti indefiniti e variabili come gli ambienti selvaggi…

LE GUIDE SOTTO (SOPRA)

RIBADISCONO che l’alta montagna è uno degli ultimi luoghi di libertà rimasti nel quale si pregiano di facilitare l’esperienza di esplorare, conoscere, crescere e rigenerarsi attraverso il contatto diretto e sensibile con l’ambiente naturale, con un reale apprezzamento dei luoghi attraversati, dove le energie si sprigionano liberamente, favorendo la percezione e la consapevolezza di quel che accade.

FAVORISCONO la frequentazione consapevole della montagna come un toccasana contro gli aspetti disorientanti di un mondo che corre, spesso senza limiti.

PROPUGNANO la comprensione estesa di quel che accade, per comprendere i luoghi, la loro identità, arrivando a cogliere non solo pochi istanti come un bel panorama o la foto di vetta da “postare”, ma estendendo la comprensione di quel che accade e ci circonda nel tempo, andando oltre la ricerca d’avventura e del fitness svolti entro scenari gradevoli.

SOSTENGONO l’auto-responsabilità e l’auto-protezione come miglior strumento per muoversi entro i luoghi selvaggi.

PROMUOVONO l’utilizzo di mezzi i più semplici possibili, per render l’esperienza ancor più ricca e avventurosa anche su terreni non difficili.

AMMETTONO il valore del senso del limite e della rinuncia prediligendo la QUALITA’ dell’esperienza DOVE l’avventura si svolge nell’avvenire, nella sua incertezza, grande e piccola, non è gioco e non è serietà, sta nell’istante imprevedibile che viene, si trova su grandi pareti ma anche in un semplice bosco o sentiero dimenticato.

RIFUGGONO vacue linee guida e procedure che tentano di inquadrare ciò che non può esserlo (la Natura), la riproduzione in serie e il banale consumo d’esperienze.

TENGONO A MARCARE la propria modalità di vivere la professione per ritrovare se stessi, per respirare liberamente (no paesaggi mozzafiato!!!), per evitare condizionamenti e sensazioni superficiali.


COME RICONOSCERE LE GUIDE SOTTO(SOPRA)? dal distintivo appuntato alla rovescia…

Pensieri dal crinale

lunedì, 22 Aprile 2024

Mentre si arrampica o cammina, soprattutto quando non si desidera incontrare nessuno, senza cima da raggiungere e lungo i percorsi meno battuti, nascono a volte dei pensieri.

Pensieri appuntati sul taccuino, frutto del raccoglimento in movimento, che variano in base al ritmo dei passi, di tanto in tanto condivisi con Montagna.tv.

Qui di seguito la raccolta degli articoli pubblicati a partire da marzo 2023.

Da Chiareggio al Maloja, l’ultima traccia di Ettore Castiglioni

Sella del Forno dal lato Italiano, la Val Bona,
Castiglioni muore accostato alle rocce scure poco sotto il passo

Perché si cade in montagna?

 L’escursionista e lo scalatore sono pure esposti al pieno vento della loro geografia interiore, che condiziona più d’ogni strumento, scarpone o attrezzo ogni passo verso l’alto

Il tempo delle paure

Senza l’esplorazione di altri valori, come le virtù creative, il piacere, l’invenzione e la corretta comunicazione si rimane costantemente schiavi della paura

Eventi estremi e cambiamenti climatici. La reazione della montagna

Quel che resta della Nord del Disgrazia

Valmalenco, regno della geodiversità

Contatto tra marmi e quarzoscisti sul Piz Tremogge, Valmalenco.

E-bike in montagna, opportunità o inganno?

Orrida nuova ciclovia sulle Orobie valtellinesi

La montagna sicura è un raggiro

Momenti d’alpinismo sulla Biancorat

Cent’anni di Spigolo Nord del Pizzo Badile

È trascorso un secolo dalla prima salita completa dello Spigolo monumentale del della Bregaglia. 

Errare è bello, elogio dell’ascensione senza destinazione

Dove ci porta questa traccia? Cosa nasconde quella roccia? Come si affronterà quella cresta? (filone d’amianto Cima di Val Fontana, Valmalenco)

Eccesso di turismo in montagna e il patto del non racconto

Per fortuna esistono ancora spazi così rari e preziosi che meritano di non essere raccontati, se non per quello che suscitano in noi quando li attraversiamo

Solo regole e convenzioni. Con la pretesa che possano salvarci

La facile soluzione a problemi complessi cattura l’attenzione, senza produrre alcunché, mentre mai l’attenzione la si rivolge alla relazione con gli ambienti naturali e con noi stessi.

Ruspe sul ghiacciaio. Ma perché? E per quale ragione tanti tacciono?

I denti della ruspa che divorano il ghiacciaio già sofferente ai piedi della Gran Becca, racchiudono in sé tutta la tracotanza di vedere il mondo senza limiti.

E ancora neve

Un paesaggio bianco che è tutt’altro che immobile, ma pervaso da continue variazioni di temperatura, mutevole provenienza e rifrazione della luce, modificazione del terreno e della neve, combinati con la velocità e direzione del vento, con gli odori di resina, il colore dei larici e licheni… che fanno assumere, ad ogni spazio e ad ogni discesa, un carattere unico e non replicabile.

Quanto acquistiamo cose superflue e che non ci servono in montagna?

Quando acquistiamo qualche nuovo capo tecnico o attrezzo, quelli che già possediamo ci appaiono istantaneamente vecchi e consunti, sino a spingerci a rinnovare altri vestiti o accessori in sostituzione di quelli vecchi.

Scialpinismo, l’importanza di pensare con i piedi

Muoviti secondo quel che ti senti. E’ il miglior consiglio che mi sento di dare, oltre a ricordare che c’è tanto da scoprire, piuttosto che imparare.

Cosa significa essere scivolatori?

Cosa significa dunque essere scivolatori? Dove occorre interpretare il terreno, assecondarlo ed essere soprattutto morbidi e leggeri? Dove per migliorare occorre progressivamente essere recettivi, in tutti i sensi? (ph  Ethan Wong)

Come si può pensare al turismo alpino senza tenere in considerazione i limiti?

La perdita di relazione con quel che accade in natura, con l’incertezza crescente dei fenomeni atmosferici e l’abbraccio perenne con gli spazi termoregolati e con l’autoproduzione del clima, impedisce di renderci conto che non abbiamo un potere e un controllo sui fenomeni naturali.

“The Heart of a Continent”: Sir Francis Younghusband nel 1887 è il primo occidentale a vedere da vicino il K2. Così lo presenta al mondo intero

Centodiciassette anni dopo, passando attraverso l’Aghil Pass e la sterminata piana alluvionale della Shaksgam Valley, provai la grande sensazione di trovarmi di fronte alla stessa montagna.

…fine seconda parte…

Aria, luce e neve scaldano il granito

sabato, 6 Aprile 2024

Salire Luna Nascente in Val di Mello è sempre un’esperienza affascinante.

Ci sono però dei giorni, al risveglio delle primavera, dove l’aria, la luce e la neve che ancora ricopre completamente il Disgrazia, scaldano il granito come non mai.

Così l’arrampicata connette la roccia con il canto dei torrenti, il fragore delle valanghe, la musica degli uccelli e i fiori sbocciati nei boschi sospesi.

Solo lettere scritte a mano

giovedì, 28 Marzo 2024

Pensare a un progetto alpinistico per l’estate, una parete da salire, richiede tempo e immaginazione.

Partenze frettolose e adesioni last minute, forse assicurano convenienti “evasioni”, al pari dell’acquisto di prodotti turistici indifferenziati.

Predisporsi alla scalata ed entrare in contatto con la “grammatica” della montagna significa altro.

Per sfuggire al supermercato digitale delle “esperienze” in montagna…

Per conoscersi meglio, prendersi tempo, comprendere come, dove e perchè…

Ripropongo la possibilità di prenotare le ascensioni per l’estate attraverso la posta scritta a mano!

Possiamo ritagliarci del tempo prezioso per metter in fila pensieri e desideri, con carta e penna alla mano, scrivere, affiggere un francobollo e spedire.

L’attesa della risposta potrà accrescere il desiderio per la scalata.

GHIACCIAIO DI FELLARIA questo sconosciuto

giovedì, 21 Marzo 2024

Raggiungo il ghiacciaio inserendo il pilota automatico del ricordo sensoriale. Ogni roccia, morena e torrente di quest’angolo selvaggio della Valmalenco rappresentano una mappa della memoria assai familiare.

Alla base del roccione di gneiss rossastro che si alza sopra la grande morena della piccola età glaciale, sopra ad una cengia, ritrovo il solito grande cespuglio di genepy nascosto.

Seguo i profumi delle pasture d’alta quota e poi quelli della flora alpina periglaciale sino a mettere il piede sul ghiacciaio. La seraccata scarica ad intervalli quasi regolari.

La guida alpina Peppino Mitta (mio prozio) con due compagne d’ascensione
dinanzi al ghiacciaio, anni ’30 del ‘900, foto archivio M. Comi.

I miei compagni d’avventura calzano felici i ramponi per la prima volta, esplorano la superficie del ghiaccio e ne ascoltano il respiro.

Il paesaggio non si conosce quando si da il nome corretto a tutto quello che contiene – tanti lo possono fare – ma quando si ha la percezione delle mille relazioni al suo interno.

La differenza è la medesima tra la conoscenza della storia e una fredda lista di avvenimenti.

Sono cresciuto tra i pascoli affacciati sulla Vedretta, sono felice di poter essere il vostro interprete alla scoperta del Ghiacciaio di Fellaria, per facilitare l’incontro e l’ascolto con questi luoghi straordinari.

1980, con mio fratello Luca (con il binocolo) nei pressi
del rifugio Bignami all’Alpe Fellaria (foto Emi)

Per ascoltare la storia e le storie del ghiacciaio, delle cime intorno, di uomini e montagne, delle memorie impresse tra i crepacci e sulle rocce.

Per osservare dal vivo i fenomeni glaciali e toccare con mano gli effetti drammatici del cambiamento climatico in corso.

Per contrastare l’emergere di false geografie e dalla progressiva sparizione di un senso reale della montagna, sempre di più ridotta a semplice scenario di svago e autorappresentazione.

Per essere sicuri di non abitare semplicemente un’idea fugace e rubare un selfie, ma essere parte di un luogo unico e irripetibile.

Mia nonna Isabella rincorre un tacchino nei pressi del rifugio, notare la sagoma bianca del ghiacciaio sullo sfondo ancora imponente (foto Emi)

“Se dovessi andare in un altro paese, prima di visitare qualsiasi museo, biblioteca, fabbrica o città favolosa, chiederei al mio accompagnatore del posto di portarmi a passeggiare nella sua terra d’infanzia, gli chiederei di dirmi i nomi delle cose e di raccontarmi come sono diventati un insieme, dando forma ad una comunità.” Barry Lopez, Una geografia profonda – scritti sulla Terra e l’immaginazione.

Note1

La visita al ghiacciaio è costruita su “misura”, per piccoli gruppi, con percorso escursionistico e la possibilità di estendere l’esplorazione alle zone periglaciali lontane dai sentieri più frequentati.

E’ anche possibile attraversare il ghiacciaio, unendo al percorso di conoscenza l’acquisizione delle tecniche base alpinistiche (uso dei ramponi e progressione in cordata).

Per ulteriori informazioni: info@mountlab.it +39-3488403009

Note 2

Suggerisco l’ascolto del podcast Ghiaccio Sottile (mio piccolo contributo ep. 1 e 2).

Al via la stagione scialpinistica al Bernina

lunedì, 11 Marzo 2024

Lo sci primaverile è luminoso e le nevi, ormai trasformate, diventano più docili e meno insidiose. Con gli sci ai piedi gli avvicinamenti alle pareti risultano rapidi e piacevoli e le discese ancor più divertenti. In questo periodo le grandi classiche del Gruppo (Roseg, Bernina, Argent, Zupò, Bellavista e Palù) si presentano in tutta la loro magnificenza.

Per gli appassionati sciatori seguiremo le tracce del pioniere dello scialpinismo Marcel Kurz che in compagnia di Rudolf Staub (geologo fondatore della moderna geologia alpina) completò il primo tour scialpinistico del Bernina (1910).

Al termine di lunghe discese approderemo ad un rifugio sicuro, una storica capanna che rientra appieno nella definizione di “presidio culturale” dei luoghi alti di Valmalenco.

Periodo: a partire da fine marzo 2024, in concomitanza con l’apertura primaverile del Rifugio Marinelli Bombardieri 2813m al Bernina. Passate parola.

Ps: considerando che la Guida è anzitutto il “conoscitore dei luoghi”, vado fiero e mi diverto ad indicare alcune sci-alpinistiche confezionate “su misura”, dedicate ai grandi spazi del Bernina e ai canali innevati nascosti del Gruppo. Qui mi muovo come un Tuareg nel deserto, senza mappa, bussola, altimetro e GPS e, se proprio è necessario, anche con il brutto tempo.

Si parte dal rifugio con i primi raggi del sole che illuminano le Cime di Musella
La neve, ormai trasformata, diventa più docile e meno insidiosa
Gli avvicinamenti alle pareti risultano rapidi e piacevoli e le discese ancor più divertenti

Piz Bernina, Cresta Coaz

martedì, 5 Marzo 2024

13 settembre 1850, è ormai pomeriggio quando i tre agrimensori dei Grigioni capitanati da Johann Coaz raggiungono la parte terminale della magnifica cresta che conduce in vetta.

Il topografo e ingegnere forestale Coaz, assieme a Jon e Lorenz Tscharner, si sono spinti là dove mai nessun umano aveva messo piede prima, inoltrandosi nel cuore del Labyrint, il dedalo di crepacci e seracchi dell’alto bacino collettore della Vadret da Morteratsch. Puntano all’inviolata cima più alta del massiccio.

Non esiste nessuna mappa della zona, Coaz la sta disegnando in quel periodo.

L’ascesa è essai faticosa, ma l’ambiente di ghiaccio straordinario e l’avvicinarsi della cima sospingono verso l’alto i tre esploratori dell’ignoto. Sono partiti dal Bernina Suot, duemila metri di quota più in basso.

La cresta finale si diparte dai ghiacci della rilucente parete Est e mira dritta alla sommità, è la via più breve e naturale per calcare la vetta prima del buio.

Non senza qualche spavento i topografi vincono la stanchezza e l’ultimo tratto erto dove si alternano rocce rotte di diorite e ripidi scivoli di firn.

Alle 18 raggiungono l’elevazione più alta dell’intero massiccio, 4050m, prende il nome di Bernina, come l’omonimo passo poco lontano. E’ il quattromila più a Est delle Alpi.

Millecinquecento metri più in basso la lingua del Morteratsch si allunga come un enorme dorso di drago, delimitato ai lati dalle imponenti morene laterali.

I tre topografi non possono indugiare a lungo nel piccolo spazio inesteso della cima, la notte si avvicina, giusto il tempo per scrutare dall’alto la moltitudine di montagne che si stagliano intorno e si perdono all’orizzonte.

Verso Sud Est la bella piramide nevosa del Piz Zupò si avvicina per altezza al Bernina. Lo stesso Coaz nel corso dei suoi rilievi ne ha stimato l’altezza in 4001 m. Nei decenni successivi, a seguito di ulteriori rilievi, perderà qualche metro e il primato di quattromila, attestandosi a quota 3996m.

La luna rischiara la lunga discesa; alle 2 di notte, dopo venti ore di scalata e duemilacinquecento metri di dislivello, il trio è di ritorno, al sicuro può festeggiare con un paio di bicchieri di “vecchio” della Valtellina.

Restare in attesa e farsi catturare dalle cose

lunedì, 4 Marzo 2024

Le abbondanti nevicate degli ultimi giorni, di neve bagnata e pesante, aiutano a rinunciare alla rincorsa a “fare cose” in montagna.

Lontani da pendii e canali ci si perde nel bosco, si coltiva la disposizione a stare e in ascolto del mostrarsi dei fenomeni che accadono intorno.

Ci si lascia guidare da indizi, segni e tracce, sino a restare in attesa e farsi catturare dalle cose.

E’ l’occasione per mantenere un passo rilassato e seguire quel che accade, fino a raggiungere una radura, con al centro un grande abete, che fa da ombrello e diventa la nostra magnifica salle à manger.

Il bello non abita lontano

mercoledì, 21 Febbraio 2024

Svolgo la quasi totalità dell’attività di Guida sulle montagne di casa, principalmente nei gruppi Bernina, Disgrazia, Scalino e Masino-Bregaglia.

Nel raggio 30 chilometri da casa incontro una tal varietà di ambienti e uno sterminato numero di cime da esplorare, più o meno verticali, che non basta una vita per conoscerle davvero.

Muoversi tra le montagne dove si dimora abitualmente acuisce una sensibilità e intimità con gli spazi attraversati, che lontano richiederebbe mesi, se non anni, per essere acquisita.

Mi onoro di far da interprete a chi desidera dialogare con questi terreni d’avventura ancora selvaggi e favorire la ricerca di una conoscenza non di superficie, attraverso l’incontro autentico con la neve, il ghiaccio e le rocce. Qualcosa che sempre di più si fatica a sviluppare e non esiste su nessun libro o catalogo di viaggio.

Un invito a ritrovare il senso del reale, con la sua complessità, senza inseguire scenografie innaturali o generiche, o rincorrere come criceti forme di intrattenimento sempre nuove, ridotte ad “esperienze” da acquistare e consumare in fretta.