Archivi per la categoria ‘racconti-articoli-commenti’

Aria salubre vette ardite

venerdì, 9 agosto 2019

“Aria salubre, vette ardite!” recitava un vecchio slogan pubblicitario della Valmalenco di almeno mezzo secolo fa..

Con queste estati sempre più roventi il semplice concetto di “stazione climatica” forse merita di essere rinnovato, considerando che il soggiorno salutare per i caratteri del clima è ormai un’esigenza irrinunciabile.

Nella foto: arrampicata al fresco dei 2200 metri sulle pareti che sovrastano il lago di Gera.

 

Gennarino l’alpinista – Luciano de Crescenzo

giovedì, 18 luglio 2019

Gennarino l’alpinista

Sono in giro pe ‘ncoppa ‘e Quartieri.  A sentire la gente sembrerebbe una delle zone più malfamate di Napoli, il luogo preferito dalla peggiore prostituzione maschile e femminile. In pratica è un posto come ce ne sono tanti, specialmente nelle città di mare, dove è possibile incontrare di tutto: il bene e il male, la truffa e la cortesia.

L’intera zona fu costruita nel XVI secolo dal famoso viceré Don Pedro di Toledo e destinata all’alloggiamento delle truppe spagnole. I vicoli dei Quartieri formano una fitta ragnatela e s’inerpicano da via Toledo fino a raggiungere il sovrastante corso Vittorio Emanuele.

Mentre sono lì che cerco facce e luoghi caratteristici, una donna mi chiama e mi avverte che ho la piega del pantalone scucita. “Giovane!” (questo appellativo viene in genere usato nei confronti delle persone sconosciute, qualsiasi sia la loro età). “Giovane, tenite ‘o canzone scusuto. Stateve accorto ca s’impizze ‘a piega sott’a scarpa!”.

“Grazie, signora, potete indicarmi qualcuno che me la possa ricucire?” “ Andate al vicolo appresso: là ci sta Gennarino l’alpinista”.

“L’alpinista?”. “Così lo chiamano, ma fa il pantalonaio. Voi come voltate l’angolo ve lo trovate in faccia. Entrare nel primo basso e che vedete e dite: ca me manna ‘onna Teresa ‘a chianchera. Quello è tanto una brava persona! Ve lo cuce all’erta all’erta (in piedi) senza farvi nemmeno spogliare”.

Seguo le istruzioni ed entro in un basso. Mi rendo subito conto di avere a che fare con l’alpinista in persona in quanto tutte le pareti del basso sono completamente tappezzate di poster e di fotografie di montagne. Riconosco a prima vista il Cervino, il complesso del Monte Bianco e la Marmolada. Ho qualche perplessità invece per Gennarino. In genere gli appassionati della montagna me li sono sempre raffigurati forti, barbuti e con la faccia indurita dal sole. Gennarino all’incontrario è calvo e ha un aspetto mite, più tipico di un impiegato che non di uno scalatore.

Spiego il mio problema a Gennarino, a differenza di quanto previsto da donna Teresa, m’invita subito a sfilare i pantaloni. Resto in mutande. La porta aperta del basso mi crea sicuramente una situazione di imbarazzo. Dopo un po’, tanto per darmi un contegno, comincio un po’ di conversazione.

“Vi piace molto la montagna?”

“E’ la mia passione!”

“E ci andate spesso?”

“Mai non mi sono mai mosso da Napoli”

“E perché?”

“Perché sono pigro. Prendete adesso per esempio, è mezz’ora che ho sete e vorrei un bicchiere d’acqua, eppure non vado in cucina perché mi scoccio di alzarmi, figuratevi in montagna!

Luciano de Crescenzo

Più metri in discesa. Disarrampicare!

mercoledì, 17 luglio 2019

La misura delle difficoltà che uno scalatore può affrontare in discesa, con sicura e piena coscienza delle proprie capacità, deve rappresentare l’estremo limite delle difficoltà che egli affronta in salita.

Scomodare la celebre frase di Paul Preuss è probabilmente démodé…mi è ritornata alla mente leggendo il recente exploit di Jim Reynolds sul Fitz Roy, percorso in salita e discesa, senza l’uso della corda..

Eppure la capacità di arrampicare in discesa è la più bistrattata e dimenticata in assoluto, nonostante sia un requisito indispensabile per praticare l’alpinismo..

Per questo, oltre al corso di “selvaticità” o di “camminar per gande”, mi piacerebbe realizzare un corso di disarrampicata.

Forse è meglio rinunciare ai “resting” su vie troppo difficili per il nostro livello e affrontare più metri in discesa, disarrampicando?

Monte delle Forbici 2910m, un balcone sul Bernina

venerdì, 12 luglio 2019

Secondo alcune scuole di pensiero, una seggiovia alla Bocchetta delle Forbici, aprirebbe finalmente il Bernina ad una nuova frequentazione.

Basta faticare lungo i “sette sospiri”! I fastidiosi risalti morenici che danno l’illusione d’essere arrivati al rifugio Carate, mentre in realtà resta ancora l’ennesima salita da superare..

Per la verità il fantomatico impianto di risalita con stazione di arrivo alla Bocchetta era previsto e già messo sulla carta in un faraonico progetto denominato “Valmalenco 2060 – sogniamo insieme”, con tanto di resort e nuove piste sparse in quota, per fortuna rimasto allo studio di fattibilità…

Con la seggiovia a due passi, il Monte delle Forbici conserverebbe lo stesso fascino? O forse senza esserselo sudato con le proprie gambe l’aereo punto panoramico finirebbe per essere declassato a belvedere stradale qualunque?

Pulce dei ghiacciai alla Vadret Pers

martedì, 9 luglio 2019

Ore 9, Vadret Pers 3080m.

Sotto alle punte dei ramponi si osservano numerosissimi piccoli punti neri sparsi sulla superficie del ghiacciao.

Si distinguono a fatica ad occhio nudo, ma se li osserviamo con attenzione mostrano dei piccoli movimenti a scatti.

Si tratta della pulce dei ghiacciai, insetti che vivono sulla superficie del ghiaccio oltre i 3000 m; pare si nutrano soprattutto di polline trasportato dai venti e sono dotati di particolari proprietà anticongelanti che consentono loro di vivere a temperature sottozero!

Pellegrinaggio alla Nord-Est del Badile

giovedì, 16 maggio 2019

Per i malenchi pare fosse una consuetudine scavalcare il Muretto e raggiungere la vicina Bregaglia per recarsi in processione alla chiesa di San Gaudenzio a Casaccia. Il pellegrinaggio cessò quando la Riforma arrivò ai piedi del Badile e i bregagliotti decisero di profanare l’edificio nel 1551,  facendo a pezzi immagini e reliquie per poi gettarle nel torrente Orlegna…

Il nostro viaggio in Bregaglia si ricolloca alla fine degli anni ’80, quando con il mio amico Ilario (Chichi), all’incirca maggiorenni, puntammo decisi per la Cassin, alla nostra prima incursione alpinistica in zona, senza aver mai visto dal vicino la montagna.

Grandi zaini, passione smisurata, pan e pagn e un robusto mazot del papà di Ilario per ribattere i chiodi (mai usato) costituirono la principale dotazione di materiali per affrontare la salita.

A completare la cordata Danilo, un amico Valtellinese un po’ più grande, che ci trasmise il desiderio di salire il gigante di granito.

Dalla cengia di attacco ancora invasa dalla neve attaccammo i sistemi di diedri e fessure che portano nel cuore della parete.

Presto perdemmo il conto delle lunghezze superate e le pagine fotocopiate con lo schizzo di salita si rivelarono inutili.

Io e Chichi ci alternammo in testa, superando in velocità i tratti caratteristici a lungo immaginati (diedro Rebuffat, cengia mediana, bivacchi Cassin) sino ai camini e le fessure terminali che portano in cima allo spigolo e in breve alla vetta.

D’istinto, senza troppi pensieri, ci ritrovammo felici e leggeri a discendere il versante Sud inondato di sole.

Porsi domande oltre ai buoni consigli

sabato, 11 maggio 2019

Lezioni in rete, video, manuali e articoli su riviste di settore traboccano di buoni consigli destinati ai neofiti della montagna. Quasi sempre si tratta di ottimi suggerimenti tecnici, corredati da mille ingegnosità pratiche.

A volte però mi chiedo se non valga la pena di cominciare a chiedersi per quale motivo investiamo tempo ed energie per salire in cima alle montagne. George Mallory liquidò abilmente la domanda con una risposta geniale: “Perché sono lì”.

Forse è più semplice provare a spiegare quando è meglio non avvicinarle.

Ad esempio meglio non salirle per assecondare la pressione sociale o la moda del momento, oppure quando la scalata è mossa da una razionalizzazione eccessiva o dall’arroganza di arrivare per forza in cima.

Tutte situazioni che contribuiscono a distogliere l’ascolto di quel che ci circonda, circostanza che amplifica le condizioni di rischio già presenti in parete.

In fondo andiamo lassù per imparare a far fronte in maniera positiva a situazioni anche faticose o difficili, conservando la propria identità, ma soprattutto per accrescere la sensibilità di fronte a luoghi di rara bellezza e alle opportunità positive che la scalata sa offrire.

Così riconosciamo che il rischio e l’incertezza sono uno strumento utile per la crescita e lo sviluppo, personale e umano.

Fare attenzione e ammettere l’interdipendenza di tanti fattori, dagli ambienti fisici attraversati al nostro stato d’animo, sono primo passo per affrontare al meglio la nostra esplorazione verticale.

E’ bello salire le montagne perché abbiamo la possibilità di sperimentare la gioia, la consapevolezza fisica, dei propri miglioramenti, con l’accettazione dei propri limiti.

Piccoli esploratori dell’inaspettato tra la Vadret Pers e la Vadret da Morteratsch

lunedì, 1 aprile 2019

Turista della neve è chi segue piste delimitate e controllate, prive di ogni sorpresa.

Turisti sono pure gli atleti formidabili dello skialp che fra pochi giorni si potranno ammirare dalle apposite tribune allestite ai 3000 m del Passo Presena, accompagnati da un “incredibile spettacolo pirotecnico”.

Noi ci accontentiamo d’essere piccoli esploratori dell’inaspettato, senza la necessità di riempire la giornata in base ad un programma, liberi di muoverci entro percorsi non codificati.

 

Val di Mello, quanto servirebbe un bell’orecchio acerbo!

mercoledì, 27 marzo 2019

E’ inutile, i luoghi “selvaggi” più accessibili non sopravvivono al pensiero dominante che li vuole ordinati e delimitati per forza.

Pare proprio che l’unico modo per udire la voce di rocce, alberi, torrenti ed animali, sia quella di possedere un “orecchio acerbo”, il solo in grado di capire le voci che gli adulti non sanno più ascoltare e soprattutto intendere.

Gli elementi naturali non hanno nessun ascolto da parte di chi è impossibilitato ad intenderne la voce, da chi ha un pensiero unico che li riduce ad un bell’oggetto, separato, muto e a disposizione delle azioni umane.

Vogliamo “spazi” da “gestire” e favole da raccontare, anche se la vita corrente le consuma in un attimo.

Spazi inquadrati come contenitori utili allo svago, oppure luoghi minacciosi da evitare, mai intesi semplicemente come non-addomesticati, preziosi per tutti, gli unici capaci di favorire esperienze più profonde rispetto alla quotidianità.

 

Skilift in via d’estinzione

martedì, 12 febbraio 2019

Lo skilift è praticamente scomparso dai comprensori sciistici, sostituito pressoché ovunque da moderne cabinovie e seggiovie pluriposto, sempre più capienti, veloci e pure girevoli!

Sedili imbottiti e cupole trasparenti proteggono dalle intemperie e accolgono i tanti sciatori che affollano piste autostrade.

Eppure le vecchie sciovie, oltre ad essere impianti più leggeri e flessibili, erano parte integrante del processo d’apprendimento sugli sci.

Sacrificate in nome della portata oraria, favorivano un continuo esercizio d’equilibrio che aiutava a “sentire” la neve e gestire la trazione del piattello sotto al sedere che variava di continuo a seconda della morfologia del pendio.

Le cadute erano inevitabili, con il maestro che ti raccattava al volo. Forse per questo tutti ricordiamo l’emozione e la felicità che accompagnava la prima risalita autonoma e indenne alla sciovia del campo scuola.

Una risalita “attiva”, così diversa dal trasporto inerte che avviene in seggiovia, dove i più audaci sfidavano i cartelli di divieto, slalomando, oppure opponendosi alla trazione puntando i bastoncini sulla neve sino ad ottenere un effetto catapulta che proiettava verso l’alto…