Archivi per la categoria ‘alleniamo l’esperienza’

Primo campus esperienziale Vendül

sabato, 11 maggio 2019

Qui trovate tutte le informazioni

Porsi domande oltre ai buoni consigli

sabato, 11 maggio 2019

Lezioni in rete, video, manuali e articoli su riviste di settore traboccano di buoni consigli destinati ai neofiti della montagna. Quasi sempre si tratta di ottimi suggerimenti tecnici, corredati da mille ingegnosità pratiche.

A volte però mi chiedo se non valga la pena di cominciare a chiedersi per quale motivo investiamo tempo ed energie per salire in cima alle montagne. George Mallory liquidò abilmente la domanda con una risposta geniale: “Perché sono lì”.

Forse è più semplice provare a spiegare quando è meglio non avvicinarle.

Ad esempio meglio non salirle per assecondare la pressione sociale o la moda del momento, oppure quando la scalata è mossa da una razionalizzazione eccessiva o dall’arroganza di arrivare per forza in cima.

Tutte situazioni che contribuiscono a distogliere l’ascolto di quel che ci circonda, circostanza che amplifica le condizioni di rischio già presenti in parete.

In fondo andiamo lassù per imparare a far fronte in maniera positiva a situazioni anche faticose o difficili, conservando la propria identità, ma soprattutto per accrescere la sensibilità di fronte a luoghi di rara bellezza e alle opportunità positive che la scalata sa offrire.

Così riconosciamo che il rischio e l’incertezza sono uno strumento utile per la crescita e lo sviluppo, personale e umano.

Fare attenzione e ammettere l’interdipendenza di tanti fattori, dagli ambienti fisici attraversati al nostro stato d’animo, sono primo passo per affrontare al meglio la nostra esplorazione verticale.

E’ bello salire le montagne perché abbiamo la possibilità di sperimentare la gioia, la consapevolezza fisica, dei propri miglioramenti, con l’accettazione dei propri limiti.

Percorrere la montagna senza troppo badare alla direzione

lunedì, 8 aprile 2019

Percorrere la montagna senza troppo badare alla direzione, lasciandosi guidare dai pendii che meglio si prestano alla risalita con le pelli in una giornata grigia, fa incappare in un sacco di cose interessanti.

Qui le nuvole basse non lasciano spazio alla noia. Si passa di sorpresa in sorpresa: impronte di gallo forcello, il dormitorio del picchio, rocce brune per arrampicare, larici solitari, turbini di fiocchi di neve, licheni “fluo” agrappati a tronchi secolari, white out totale e una neve prima crostosa poi fradicia che non ci fa fare una curva ma insegna un sacco di cose.

 

Piccoli esploratori dell’inaspettato tra la Vadret Pers e la Vadret da Morteratsch

lunedì, 1 aprile 2019

Turista della neve è chi segue piste delimitate e controllate, prive di ogni sorpresa.

Turisti sono pure gli atleti formidabili dello skialp che fra pochi giorni si potranno ammirare dalle apposite tribune allestite ai 3000 m del Passo Presena, accompagnati da un “incredibile spettacolo pirotecnico”.

Noi ci accontentiamo d’essere piccoli esploratori dell’inaspettato, senza la necessità di riempire la giornata in base ad un programma, liberi di muoverci entro percorsi non codificati.

 

Montagne nate dal fuoco e dal mare

lunedì, 25 marzo 2019

Puntiamo alla depressione all’inizio della cresta NNE della Cima di Vazzeda, nei pressi di un obelisco di rocce chiare che sovrasta il bacino del Forno.

Sciare lungo il Plattè di Vazzeda va oltre l’esecuzione di belle curve, significa scivolare al cospetto di montagne nate dal fuoco e dal mare.

Qui gli scuri basalti del Monte del Forno si accostano al granito dello spigolo Gervasutti alla Valbona, in contatto diretto con i marmi calcarei e dolomitici della Cima di Vazzeda…

Quanto siamo fortunati a sperimentare così intensamente il mondo fisico? Di avere tempo di indugiare e farsi delle domande per cogliere gli aspetti più sottili di ciò che ci circonda?

Disegnare la natura

giovedì, 21 marzo 2019

Siglare la neve con linee e curve che si adattano alle forme della montagna significa disegnare ciò che appassiona. Così la spigolosa traccia di salita merita d’esser lasciata intatta, non intersecata dagli archi di curva della discesa che s’allargano ad abbracciare l’immacolato alto bacino del ghiacciaio del Ventina.

 

Guardaroba naturale di bellezza

martedì, 12 marzo 2019

Percorrere la Vadret Pers dopo una tempesta di neve con un gruppo di giovani studenti è come esplorare un guardaroba di bellezza.

Qui al posto di abiti di valore, ritroviamo altri gioielli in grado di stupirci, lontani dai libri e dai musei.

In queste giornate, con questo silenzio di neve, è difficile scivolare impassibili, indifferenti al contributo di creatività e bellezza che i luoghi suggeriscono.

Grazie a Stefano per il contributo fotografico!

Discesa per intenditori dal versante Est della Sassa di Fora 3363m

venerdì, 1 marzo 2019

C’è qualcosa di immediatamente reale in quello che proviamo quando dopo un lungo avvicinamento si affronta una discesa magnifica, quando nel giro di poche ore si passa dal sole cocente alla tormenta e dopo le prime curve un po’ contratte sulla neve dura, ci si lascia progressivamente andare, disegnando archi ampi fino a raggiungere i vasti pascoli alla base del versante.

Quante volte tendiamo a bruciare le tappe?

martedì, 26 febbraio 2019

Accelerare i tempi non è sempre necessario. Quante volte tendiamo a bruciare le tappe? Nel far macinare dislivelli e collezionare salite? Quanto siamo in relazione con il  ruolo di “guida” o con i diversi stili di apprendimento dei nostri compagni di avventura in montagna?

Foto tratta da “Sci e sciatori – le bellezze dello sci” A. Couttet, A. Lunn, E. Petersen, A. Rivera – 1930

Qualcosa di diverso da un corso di sci alpinismo..

sabato, 9 febbraio 2019

 

PROGRAMMA