Quale Guida #2 ?

E’ bello poter raccontare e condividere le proprie avventure, anche se in tal modo contribuiamo ad inondare la montagna d’informazioni, dati, report, immagini e video…

Raccontare significa anche interferire, togliere o limitare la possibilità di sperimentare in modo indipendente ed autentico i propri passi entro spazi d’incertezza.

La Guida che procede in testa, istruisce, controlla e assiste, può limitare l’efficacia dell’esperienza autentica e personale del gruppo che conduce?

La Guida che facilita, sorveglia e conforta, sceglie con misura il miglior contesto, ma lascia spazio all’incontro con l’incerto, con la sorpresa, amplifica il processo di conoscenza?

Lascia un Commento