Esplorazione al Russ del Giumellino

Una prima lunghezza ci porta ad un punto morto.

Attrezziamo la doppia su uno spuntone, scendiamo.

Le corde si incastrano. Le risaliamo nel vuoto, per sbrogliare l’incastro.

Riattacchiamo più a destra, per una placchetta e strapiombo, non facili da proteggere.

Il temporale si avvicina. Obliquiamo per rocce magnifiche e mughi verso il canale di discesa.

Una catasta di blocchi crea un foro curioso nella cresta rocciosa.

Nessuna vetta, ma gli imprevisti e le nuvole conserveranno il ricordo di questa giornata, forse ancor più di una cima radiosa e scontata.

Lascia un Commento