Due giorni in cammino e una notte in rifugio d’inverno

Aprire la traccia nella neve profonda aiuta ad eliminare ciò che ha poca importanza. Solo così si diventa appassionati camminatori nella neve ed esploratori di questo primitivo mondo bianco.

La forza del gruppo si manifesta quando ci si alterna, in testa, ognuno in base al proprio fiato, per uno o cento passi, in modo da suddividere lo sforzo e risparmiare fatica.

Un Commento a “Due giorni in cammino e una notte in rifugio d’inverno”

  1. valter guglielmetti ha detto:

    bellissimo. Apprezzo sempre molto tutto quello che viene pubblicato su questo diario, per la sua quasi disarmante complicità con la Natura e con lo spirito che ogni persona dovrebbe avere in sé.

Lascia un Commento