Suono del silenzio al Disgrazia 3678m

Ogni salita alpinistica presuppone un ritorno alla quotidianità con rinnovata energia. Tra le tante sensazioni che si ricordano a lungo, richiamiamo la partenza notturna, il gelo dell’alba, i ramponi che mordono la neve, le rocce riscaldate dal sole e l’aerea cresta, ma soprattutto il suono del silenzio.

Un Commento a “Suono del silenzio al Disgrazia 3678m”

  1. Ehh ha detto:

    Che bravii

Lascia un Commento